Anacardi


Gli anacardi sono i semi dell'anacardio (Anacardium occidentale ), un albero da frutta tropicale originario dell'Amazzonia. I Portoghesi lo introdussero in India nel XVI secolo; oggi l'India e l'Africa orientale ne sono i maggiori produttori.

L'anacardio ha una forma di fruttificazione caratteristica, che fornisce due tipi di frutti intimamente uniti: uno fresco, la "mela d'anacardio" (chiamata in Brasile "mela di acagiù"), e uno secco, la "mandorla o nocciola d'anacardio"(chiamata in Brasile "noce di acagiù o mandorla di acagiù"), che costituisce l'anacardio come noi lo conosciamo.

La trasformazione degli anarcardi è tutt'altro che semplice e ciò spiega il loro prezzo sul mercato europeo. Il seme contiene un olio irritante che deve essere eliminato con il calore prima di essere estratto con molta cura per evitare di contaminarlo: solo il 10% della produzione grezza passa indenne attraverso le varie fasi della trasformazione e confezionamento. Gli anacardi in guscio vengono quindi tostati e sgusciati, operazione fatta per lo più a mano. Il frutto viene poi scottato per facilitare la rimozione della leggera pellicola scura che lo ricopre. Gli anacardi irrancidiscono in fretta e quindi è opportuno conservarli sottovuoto e non lasciarli per lungo tempo esposti all'aria. 

Gli anacardi possono essere consumati al naturale, solo tostati o tostati e salati, oppure utilizzati in alcuni piatti tipici della cucina cinese e tailandese.

Elenco ricette contenenti Anacardi


 

 

 

 

 

 

Tabella Riassuntiva
 
Categoria frutta
Provenienza
Stagionalità
 
Informazioni Nutrizionali
 
Valori espressi per 100g di prodotto
Calorie 598.00  
% valori giornalieri*
Grassi Totali 46.00 g 72 %
Sodio 16.00 mg 1 %
Potassio 565.00 mg 14 %
Carboidrati 33.00 g 11 %
Fibra alimentare 3.00 g 12 %
Proteine 15.00 g 27 %
Vitamina A 0 %
Vitamina C 0 %
Calcio 6 %
Ferro 33 %
* La percentuale di valore giornaliero è calcolata su una dieta di 2,000 calorie, quindi i tuoi valori possono variare in base al tuo fabbisogno calorico. I valori possono non essere accurati al 100% perché le ricette non sono state controllate da professionisti della nutrizione o da enti certificatori, tutti i nostri valori sono basati sulle tabelle ufficiali dell'INRAN (Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione.